FAQ

Nota: le linee guida nazionali sono oggetto di aggiornamento ogni sei mesi, le seguenti faq seppure generalmente affidabili devono essere revisionate. Raccomandiamo quindi di verificarne la congruità consultando le linee guida inviate ad ogni iscritto via posta elettronica.

Le seguenti Faq cercano di dare le prime semplici indicazioni e orientamenti in relazione all’aggiornamento e allo sviluppo professionale continuo, obbligatorio per esercitare al nostra professione.

Ogni Faq non può considerarsi completamente esaustiva ed ha un riferimento normativo, relativo al Regolamento ministeriale pubblicato sul bollettino ufficiale del Ministero della Giustizia n.17 del 15/09/2013 e alle relative Linee Guida approvate dal Consiglio Nazionale e a cui l’Ordine si attiene.

Dopo una prima lettura delle Faq, invitiamo gli iscritti a consultare con attenzione anche tali documenti, che l’Ordine offre disponibili on-line nella sezione dedicata alla normativa.

 

Aggiornamento e lo sviluppo professionale continuo


1.1 qual’è il periodo di attività e di valutazione dell’aggiornamento e sviluppo professionale continuo?
Il periodo dell’attività e di valutazione dell’aggiornamento e sviluppo professionale continuo è triennale e coincide con quello solare. Regolamento art.6 c.1


1.2 cos’è un credito formativo?
L’unità di misura base dell’attività di aggiornamento e sviluppo professionale continuo è il credito formativo professionale, pari ad un’ora di formazione. Regolamento art.6 c.2

 

1.3 quanti crediti formativi devo acquisire nel triennio?
L’iscritto ha l’obbligo di acquisire nel triennio 90 (60 nel primo triennio) crediti formativi professionali. Regolamento art.6 c.3


1.4 quanti crediti formativi devo acquisire in un anno?
Un minimo di 20 (10 nel primo triennio) crediti annuali. Linee Guida punto 4


1.5 posso scegliere autonomamente le attività da seguire?
L’iscritto all’albo sceglie liberamente, in relazione alle proprie esigenze professionali e nel rispetto del Regolamento, le attività di aggiornamento e sviluppo professionale continuo da svolgere ai fini dell’assolvimento dell’obbligo e per curare il continuo e costante aggiornamento della propria competenza professionale. Regolamento art.1 c.3


1.6 ci sono attività obbligatorie?
Almeno 4 crediti formativi professionali per ogni anno devono essere derivanti da attività di aggiornamento e sviluppo professionale continuo sui temi della Deontologia e dei Compensi professionali. Regolamento art.6 c.3


1.7  devo sostenere delle spese per il mio aggiornamento e sviluppo professionale continuo?
Gli Ordini favoriscono l’adempimento dell’obbligo formativo degli iscritti, realizzando eventi formativi, limitando la contribuzione richiesta ai partecipanti al solo recupero delle spese vive sostenute. Linee Guida punto 1


Attribuzione dei crediti formativi


2.1 posso organizzare autonomamente un’attività valida al fine del riconoscimento dei crediti formativi?
Si, attenendosi alle procedure di autorizzazione degli eventi formativi promossi da associazione di iscritti agli albi e da altri soggetti.Linee Guida punto 6.3


2.2 seguo un master/dottorato in Italia, è un’attività valida al fine del riconoscimento dei crediti formativi?
Si, considerato che l’ammissione è riservata ad un numero ristretto di partecipanti e che la durata è variabile da uno a tre anni, il conseguimento del titolo di master universitario o di dottore di ricerca, comporta l’acquisizione di n° 15 crediti formativi per ogni anno di corso riconoscibili a posteriori dopo avere sostenuto l’esame finale. Linee Guida punto 5.3

 

2.3 faccio parte di un gruppo di lavoro/commissione dell’Ordine, è un’attività valida al fine del riconoscimento dei crediti formativi?
Si, ad eccezione degli organi eletti, ai membri delle commissioni, gruppi di lavoro e commissioni di studio del C.N.A.P.P.C. e degli Ordini territoriali spetta 1 cfp per ogni singola seduta con il limite massimo di n° 5 cfp annuali. Linee Guida punto 5.4


2.4 sono un docente universitario (strutturato o a contratto), è un’attività valida al fine del riconoscimento dei crediti formativi?
No, i crediti formativi vengono attribuito solo per attività di docenza ad eventi formativi promossi dall’Ordine. Linee Guida punto 5.4

 

2.5 sono un insegnante (dipendente o supplente), è un’attività valida al fine del riconoscimento dei crediti formativi?
No, i crediti formativi vengono attribuito solo per attività di docenza ad eventi formativi promossi dall’Ordine. Linee Guida punto 5.4

 

2.6 sono un docente ai corsi di formazione non retribuito, è un’attività valida al fine del riconoscimento dei crediti formativi?
Si, agli iscritti che svogono attività di docenti non retribuiti ad eventi formativi promossi dall’Ordine spetta 1 cfp per ogni singola seduta con il limite massimo di n° 5 cfp annuali. Linee Guida punto 5.4

 

2.7 ho visitato una mostra d’architettura, è un’attività valida al fine del riconoscimento dei crediti formativi?
Si, le visite documentate a mostre, fiere ed altri eventi assimilabili afferenti alle aree tematiche della formazione (Linee Guida punto 3) garantiscono 1 cfp per singola mostra con il limite massimo di 5 cfp annuali. Linee Guida punto 5.5

 

2.8 ho scritto un articolo/ho pubblicato un progetto, è un’attività valida al fine del riconoscimento dei crediti formativi?
Si, monografie, articoli e saggi scientifici o di natura tecnico-professionale, pubblicazione di progetti derivanti da attività professionale e/o concorsuale su riviste a diffusione nazionale/internazionale e pubblicazioni ufficiali degli Ordini territoriali garantiscono 1 cfp per ogni articolo, monografia o pubblicazione, con il limite massimo di 5 cfp annuali. Linee Guida punto 5.4

 

2.9 ho partecipato ad un viaggio di studio organizzato, è un’attività valida al fine del riconoscimento dei crediti formativi?
Si, viaggi di studio organizzati / promossi dagli Ordini e/o da Associazioni di iscritti e/o da Fondazioni di Ordini territoriali garantiscono 1 cfp per ogni giorno di visita con il limite massimo di 5 cfp annuali. Linee Guida punto 5.4

 

2.10 ho partecipato ad una attività formativa di un’altro Ordine territoriale, posso ottenere dei crediti formativi?
Si, gli Ordini territoriali possono promuovere attività di aggiornamento e sviluppo professionale continuo interdisciplinari di concerto con altri Ordini e Collegi professionali; i programmi di tali attività saranno validati, con garanzia di uniformità di attribuzione in base alle convenzioni che verranno stipulate. Regolamento art.7 c.1

 

2.11 ho partecipato ad una attività formativa all’estero, posso ottenere dei crediti formativi?
Si, è competenza del CNAPPC validare crediti formativi relativi a corsi di aggiornamento professionale, seminari, convegni, conferenze, tavole rotonde, workshop et similia tenuti all’estero da istituzioni, enti, organismi e da altri soggetti comunitari ed extracomunitari. Linee Guida punto 6.5

 

Esoneri

 

3.1 sono un professionista in maternità, posso essere esonerato?
Si, l’obbligo formativo viene ridotto di 20 CFP complessivi nel triennio. Linee Guida punto 7 lettera a)

 

3.2 sono un professionista che per almeno sei mesi interrompe la propria attività (malattia, infrotunio, assenza dall’Italia, altre cause di forza maggiore), posso essere esonerato?
Si, L’esenzione comporta la riduzione dei crediti formativi da acquisire in modo temporalmente proporzionale. Linee Guida punto 7 lettere b) e c)

Assenza dell’obbligo

4.1 sono un dipendente pubblico, è obbligatoria al formazione?
Si, gli iscritti dipendenti pubblici devono sottoporre all’autorizzazione dell’Ordine i progetti di formazione predisposti dai propri datori di lavoro che saranno valutati in termini di crediti formativi. Linee Guida punto 5.6

4.2 non esercito la professione, è obbligatoria la formazione?
Si, la formazione è obbligatoria, sono oggetto di esonero, su richiesta motivata e documentata solo i casi indicati nelle Linee Guida al punto 7

4.3 sono un professore universitario iscritto nell’elenco speciale dell’Albo, è obbligatoria la formazione?
Si, la formazione è obbligatoria, sono oggetto di esonero, su richiesta motivata e documentata solo i casi indicati nelle Linee Guida al punto 7

4.4 sono un professionista che deve trascorre un lungo periodo all’estero, è obbligatoria la formazione?
No, se ciò presuppone l’interruzione dell’attività professionale per almeno sei mesi. Linee Guida punto 7

 

4.5 seguo un master/dottorato in italia, è obbligatoria la formazione?
Si, la formazione è obbligatoria, sono oggetto di esonero, su richiesta motivata e documentata solo i casi indicati nelle Linee Guida al punto 7

 

4.6 seguo un master/dottorato all’estero, è obbligatoria la formazione?
No, se ciò presuppone l’interruzione dell’attività professionale per almeno sei mesi. Linee Guida punto 7

 

4.7 ho più di 20 anni di iscrizione all’albo, è obbligatoria la formazione?
No, se è già stato compiuto il 70 anno di età. Linee Guida punto 7

4.8 ho più 70 anni di età, è obbligatoria la formazione?
No, se l’iscritto ha più di 20 anni di iscrizione all’albo. Linee Guida punto 7

Sanzioni

 

5.1 non ho adempiuto all’obbligo di formazione, cosa comporta?
L’inosservanza dell’obbligo formativo costituisce illecito disciplinare. Linee Guida punto 8

5.2 non ho adempiuto all’obbligo di formazione, come posso rimediare?
È prevista la possibilità per l’iscritto di un ravvedimento operoso, nel termine perentorio di sei mesi dalla scadenza triennale. Linee Guida punto 8

CNS

6.1 a cosa serve la CNS?
La Carta Nazionale dei Servizi (CNS) è un dispositivo smart card contenente un certificato digitale di autenticazione personale, che consente l’identificazione certa di un utente in rete, assicurando l’autenticità delle informazioni.
La smart card viene corredata di un certificato di firma digitale, necessario per la sottoscrizione di documenti elettronici con valore legale,
Può essere emessa anche per cittadini stranieri (Comunità Europea).

6.2 dove posso utilizzare la CNS?

I portali che consentono l’interazione telematica tra cittadini e PP.AA., mediante autenticazione con CNS sono sempre più numerosi, ne riportiamo alcuni:

agenzia delle entrate

processo civile telematico

impresa in un giorno

registro delle imprese

INPS

INAIL

SISTRA

6.3 com’è fatta?
La CNS emessa dal Consiglio Nazionale APPC, è in formato “smart card”,ha l’aspetto e le dimensioni di una normale carta di credito, i contenuti digitali sono alloggiati in un chip, è inoltre presente un’antenna per l’uso della tecnologia “contact-less” che permette, con adeguati lettori, di utilizzare il dispositivo come badge.

6.4 cosa contiene?
Oltre a contenere i propri dati anagrafici e la foto, riporta le informazioni previste dal R.D. 2537/1925 e dal D.P.R. 2001 n. 328/2001 (Sezione, Settore, Data e Numero d’iscrizione) qualificando quindi la propria iscrizione all’Ordine.
Sul chip sono presenti due certificati distinti: il Certificato Digitale di Autenticazione CNS (firma generica) e il Certificato Qualificato di Firma Digitale (firma non ripudiabile avente valore legale).

 

6.5 ha un termine di validità?
I certificati della CNS hanno una durata di 36 mesi dall’emissione, trascorsi i quali occorre rinnovarli con una semplice pratica amministrativa dal costo contenuto. Salvo cambiamenti della Legge in vigore, non sarà necessario il cambio di smart card, ma solo il suo aggiornamento.

6.6 è possibile rinnovare una firma digitale dopo la scadenza?
Una volta scaduta, la firma digitale non è più rinnovabile. Si consiglia pertanto di attivare la procedura di rinnovo per tempo prima della scadenza del termine di validità. In caso contrario è necessario richedere l’emissione di una CNS con la nuova firma digitale.

6.7 ha un costo?
La CNS viene fornita gratuitamente dall’Ordine oppure può essere acquistata dall’iscritto in kit con software e lettore attraverso una convenzione con Aruba.

6.8 come posso averla?
Per ottenerla gratuitamente è necessario aderire agli ordini massivi che l’Ordine promuove periodicamente, per cui è stato predisposto un modulo on-line.

6.9 ho già richiesto la CNS ma non ho mai completato la procedura di emissione, cosa devo fare per averla?
Per ottenerla è necessario aderire nuovamente ad un ordine massivo ripetendo la procedura.

6.10 voglio ordinare la CNS per mio conto e non attraverso l’Ordine come faccio?
La CNS deve essere in ogni caso ritirata fisicamente presso l’Ordine di appartenenza che ne valida i contenuti, è sempre possibile acquistare per proprio conto un kit CNS+firma digitale integrato anche con software e lettori di Aruba.

6.11 come faccio a ritirare la CNS?
Una volta ricevuto riscontro via e-mail che la CNS è disponibile presso l’Ordine, l’iscritto deve ritirarla di persona (non sono possibili deleghe) producendo un documento di identità valido.
Tale procedura è necessaria in quanto la CNS è un documento di riconoscimento, quindi la consegna deve avvenire mediante il “riconoscimento certo” del titolare.

6.12 posso farmi identificare esibendo una copia del documento identità?
Non è possibile. Per l’identificazione è necessario verificare il documento in originale.
Tale procedura è necessaria in quanto la CNS è documento di identità è quindi la consegna deve avvenire mediante il “riconoscimento certo” del titolare.

6.13 posso inviare i documenti in formato elettronico e farmi identificare mediante videoconferenza?
Non è possibile. L’identificazione avviene fisicamente.
Tale procedura è necessaria in quanto la CNS è documento di identità è quindi la consegna deve avvenire mediante il “riconoscimento certo” del titolare.

6.14 mi hanno rubato oppure ho smarrito la CNS cosa devo fare?
In caso di furto o smarrimento è obbligatoria la denuncia presso gli uffici di P.S. dandone comunicazione all’Ordine.

6.15 intendo cancellarmi dall’Albo o trasferirmi presso un altro Ordine posso tenere la CNS?
No, la tessera va restituita in caso di cancellazione dall’albo ovvero di trasferimento in quanto i dati professionali riportati non sono più validi.

 

CNS uso come documento di riconoscimento
 

7.1 perchè la CNS è un documento di riconoscimento?
La CNS è un documento di riconoscimento perché ha le caratteristiche di cui al D.P.R. 445/2000: ovvero riporta la fotografia del titolare, è rilasciata da una pubblica amministrazione italiana (l’Ordine degli Architetti PPC della provincia di Trieste), ha un supporto magnetico e informatico, consente l’identificazione personale del titolare (mediante i dati attestati dal consiglio dell’Ordine).

7.2 la CNS è valida per gli imbarchi e i controlli di sicurezza negli aeroporti?
Si, limitatamente ai voli nazionali.

7.3 la CNS è valida per l’espatrio?
Solo in alcuni casi, è consigliabile rivolgersi alla Polizia di Stato.

7.4 ho caricato una foto in bianco e nero, la CNS è un documento di riconoscimento a vista valido?
No, il colore della carnagione deve essere riconoscibile, invitiamo a prendere visione delle prescrizioni della Polizia di Stato

7.5 ho caricato una foto con gli occhiali da sole, la CNS è un documento di riconoscimento a vista valido?
No, gli occhi devono essere riconoscibili, invitiamo a prendere visione delle prescrizioni della Polizia di Stato

7.6 ho caricato una foto con il cappello, la CNS è un documento di riconoscimento a vista valido?
No, il viso deve essere riconoscibile, invitiamo a prendere visione delle prescrizioni della Polizia di Stato

7.7 ho caricato una foto che mi ritrae con altre persone, la CNS è un documento di riconoscimento a vista valido?
No, la foto deve mostrare soltanto la persona ritratta mentre guarda l’obbiettivo con un’espressione neutra e la bocca chiusa. Invitiamo a prendere visione delle prescrizioni della Polizia di Stato

Firma digitale

8.1 cosa mi serve per usare la firma digitale?
per l’utilizzo della firma digitale contenuta sulla CNS sono necessari i driver del chip della smart card, il software per la firma digitale e un lettore smart card con i relativi driver.
La pagina di assistenza web di Aruba chiarisce molti dubbi.

8.2 dove trovo i driver per la smart card con chip?
I driver per utilizzare la smart card con chip possono essere scaricati all’indirizzo web http://www.pec.it/Download.aspx.

8.3 come riconosco il chip della mia smart card?
Il chip può essere riconosciuto con facilità a vista, esaminandone il disegno.

8.4 dove trovo il software per la firma digitale?
Arubasign, il software per utilizzare la firma digitale può essere scaricato all’indirizzo web http://www.pec.it/Download.aspx.

8.5 quando sono assente i miei sostituiti possono firmare con la mia firma digitale?
Dal punto vi vista pratico è possibile ma la firma digitale e la sua relativa password sono strettamente personali.
La normativa sulla firma digitale non prevede sanzioni per l’affidamento del dispositivo a un terzo, ma una serie di norme indicano chiaramente l’impossibilità di uso del dispositivo da parte di chi non ne sia il legittimo titolare (reato di falso), la questione risulta di particolare delicatezza in quanto la falsificazione di una firma autografa è dimostrabile mentre una firma digitale è sempre “vera”. La prova contraria può essere difficilissima, se non impossibile.

8.6 ho una Smart Card con PIN bloccato dov’è il PUK per sbloccare la carta?
Il codice PUK si trova sulla screechcard consegnata al momento del rilascio della smart card.
Se è stato perso il PUK la firma digitale sulla Smart Card è inutilizzabile e non può essere rinnovata. Sarà quindi necessario richiedere l’emissione di una nuova firma.

Lettore

9.1 devo acquistare un lettore?
Non è necessario, la Regione Friuli Venezia Giulia ha già provveduto negli anni scorsi a dotare i propri cittadini di lettore smart card BIT4ID per l’utilizzo della carta regionale dei servizi.

9.2 dove trovo i driver per il lettore?
Se è già installato non servono altri driver per il lettore, altrimenti è possibile scaricare i driver del lettore BIT4ID all’indirizzo web http://www.pec.it/Download.aspx.

9.3 non ho il lettore fornito dalla Regione Friuli Venezia Giulia, come faccio?
La Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia prevede la distribuzione gratuita di un lettore di smart card per ogni nucleo familiare che ne faccia richiesta. Il lettore di smart card può essere richiesto agli sportelli URP della Regione.
In generale per l’utilizzo della Carta Nazionale dei Servizi è necessario avere un lettore per smart card formato standard (tessera) compatibile con i seguenti standard di mercato: ISO 7816 1-4, 8, 9,(communication protocol T=1 o T=0).
Aruba mette a disposizione diversi dispostivi, il lettore Arubakey o i lettori standard.

Assistenza

10.1 esiste un servizio di assistenza?
Si, l’assistenza di Aruba dedicata al CNAPPC è la seguente:

assistenza@archiworldpec.it;
057505.00.13

Servizi di AWN

11.1  quali sono i servizi offerti?
I servizi di AWN non sono ancora operativi, tuttavia suggeriamo a chi non dispone già del proprio account AWN di registrarsi.